LaValSenales

La Val Senales conta tra le valli a sud delle alpi , come quella con i paesaggi piú vari e piú belli. Inizia nel fondo valle a 600m con i suoi vigneti di Pinot Nero e termina sui ghiacciai perenni della Pallabianca a quasi 3800m. Visitate quattro paesini incantevoli – Vernago al lago, Madonna di Senales, la Certosa degli Angeli e Monte Santa Caterina.

Vernago al Lago (1707 m)

Il piccolo paesino di Vernago si affaccia sul lago di Vernago . Caratteristica di questo lago é il suo colore verde smeraldo, derivato del bosco di larice che cambiando colore nel periodo estivo e autunnale riflette la tonalitá di colori sull`acqua. Nel periodo estivo, il lago di Vernago, é una bellissima meta per delle camminate. Le possibilitá di escursioni sono quí molto varie e numerose. Ad esempio un comodo sentiero vi condurra lungo il giro del lago oppure un sentiero in quota che costeggia il lago passa da masi antichissimi con piú di 700 anni di storia fino a Masocorto. Chi invece vula salire piú in alto, potrá seguire le orme di „ Ötzi“ e sui sentieri archeologici raggiungere prima il rifugio Similaun a 3000 m e quindi il punto di ritrovamento della „ mummia del Similaun“. Vernago si trova a soli 6 km dalla famosa stazione sciistica di Masocorto in Val Senales da dove partono gli impianti di risalita.

Madonna di Senales (1505 m)

Nel mezzo della valle contornata da verdi pascoli e antichi masi troviamo il paesino piú grande della Val Senales. Non aspettatevi peró centri grandi e rumorosi, la Val Senales ha con i suoi 25 km di sviluppo solamente 1200 abitanti complessivi. Il nome Madonna di Senales è stato ereditato da un`immagine votiva: la venerazione dei pellegrini di una statuetta della Madonna ritrovata nell`anno 1304 secondo la leggenda. In cima ad una roccia si presenta orgoglioso il santuario di Madonna. Il percorso Mariano che porta direttamente al santuario é molto gradito dai nostri ospiti e pellegrini. Nelle dirette vicinanze si trova il museo Archeopark con vista diretta al punto di ritrovamento dell`uomo del Similaun „Ötzi“. Nel primo museo archeologico „attivo“ dell`alto Adige, potrete rivivere attivamente la vita quotidiana dell`uomo di 5300 anni fa. Il museo mostra la fine dell`eta della pietra tramite spiegazioni, immagini, filmati e ritrovamenti.
Nella parte esterna della struttura il visitatore scoprirá nelle capanne ricostruitetutto quello che l`uomo dei ghiacci quotidianamente svolgeva per sopravvivere preparando il pane, tirando con l`arco,  simulando la caccia, modellando la ceramica, lavorando la pelle e accendendo il fuoco .

Certosa degli Angeli (1327 m)

Certosa é un paesino ricco di storia. La Certosa degli Angeli venne costruita nell`anno 1326 e dismessa nel 1782 . Ancora oggi si ha la sensazione di respirare l`aria dei frati certosini nell`antico convento : i resti del muro di cinta intorno al paese dimostrano il timore dei frati nei confronti dell`insorgere dei contadini sottoposti a enormi e ingiusti tributi. Incantevole e perfettamente conservato, é il vecchio chiostro il quale nel periodo estivo viene utilizzato e adibito come vetrina per mostre di famosi artisti locali e non.

La Val di Fosse

La Val di Fosse é una delle valli più ricche di selvaggina dell’Alto Adige e si trova nel cuore del Parco Naturale Gruppo di Tessa, il maggiore parco naturale altoatesino. La Val di Fosse è attraversata anche da una porzione dell’Altavia Meranese/”Meraner Höhenweg”, probabilmente una fra le più suggestive per fascino e naturalità: fauna e flora endemiche di questa vallata d’alta quota attraggono escursionisti, amanti della natura e della meditazione alla ricerca di ambienti naturali ancor incontaminati, dove il tempo pare essersi fermato.
Dal parcheggio di Casera di Fuori si sale comodamente alla volta di Casera di Mezzo/Mitterkaser, quindi della malga “Rableid Alm” fino a giungere al Maso Gelato/Eishof. E per chi avesse ancor fiato da vendere vi è la possibilità di allungare di 3 ore fino ai 2.900 m di quota del Rifugio Petrarca all’Altissima/Stettiner Hütte.

Monte Santa Caterina (1245 m)

La romantica Monte santa Caterina si trova sulla cima di una roccia, la dove la Val Senales inizia ad allargarsi. Dove oggi si trova la parrocchia e la chiesa di Santa Caterina, sorgeva il castello „ Schnalsburg“ il quale dette il nome alla Val Senales. Nel 1350 il castello venne abbattuto dai frati certosini, solo la torre venne risparmiata e funge oggi da campanile alla chiesa. Nel 1500 venne costruita una piccola cappella ma solamente nell`anno 1748 venne ampliata in stile romanico nelle dimensioni ad oggi esistenti.
La semplice e autentica vita contadina e alpina attendono una Vostra visita premiandovi con una fantastica vista dalla Val Senales alla val D`Adige fino al Castello Juval, residenza estiva del noto Alpinista estremo Reinhold Messner.

Please reload

Richiedi ora

CONTATTO

Pensione Lydia

Famiglia Zerpelloni

Vernago al lago

39020 Val Senales / Alto Adige
T +39 0473 669679 info@pensionlydia.it

SERVIZI